venerdì , 20 Settembre 2019
Home / Best News / Dove andranno i sei milioni stanziati dalla Giunta pugliese

Dove andranno i sei milioni stanziati dalla Giunta pugliese

Ammonta a quasi 6 milioni di euro, a valere sulle risorse del Fondo Sviluppo e Coesione, lo stanziamento deciso dalla Giunta regionale nell’ambito del Contratto di Programma per la realizzazione del progetto “New Cartridge Line”, proposto dalla Merck Serono SpA, gruppo chimico e farmaceutico multinazionale che opera anche in Italia e che occupa, nel nostro Paese, 759 dipendenti suddivisi tra Roma, Guidonia e il centro di produzione di Modugno (Ba).

La proposta progettuale presentata dalla società consiste proprio in un ampliamento dello stabilimento produttivo sito nella zona industriale di Modugno, con l’attivazione di una nuova linea di produzione. Sotto altro profilo, gli investimenti previsti riguardano attività di Ricerca e Sviluppo Sperimentale, finalizzate all’innovazione tecnologica nei processi di produzione attualmente impiegati nel medesimo stabilimento, per la cura di malattie in ambito di fertilità, neurologia ed endocrinologia.

“L’investimento complessivo è di 24 milioni e 204 mila euro, e il contributo regionale ammonterà, complessivamente, a 5 milioni e 815 mila euro, per un incremento occupazionale atteso, a regime, a seguito della realizzazione degli interventi previsti, di 10 unità lavorative”, osserva l’assessore regionale allo Sviluppo Borracino.

“Si tratta di una iniziativa estremamente significativa che conferma l’attenzione che il governo regionale sta ponendo in materia di sviluppo economico, sostenendo soprattutto progetti di investimento caratterizzati, come in questo caso, da un alto tasso di innovatività, al fine di rendere il nostro territorio sempre più competitivo e in grado di attrarre nuove opportunità. Questa strategia regionale va consolidandosi sempre di più e sta dando risposte molto incoraggianti, come recentemente certificato dall’Istat, sotto il profilo della crescita del pil in Puglia, aumentato del 3% negli ultimi tre anni, dell’occupazione (più 9%) e delle esportazioni (più 1,5%), nonostante il periodo di crisi economica con la quale dobbiamo fare i conti”.

twitter@Nicholaus_it

Lascia un commento